AMBIENTE

Gonnosfanadiga, sabato manifestazione per dire "No al termodinamico"

Consulta Ate megacentrali
Manifestazione promossa dalla Consulta ATE

È prevista per il prossimo sabato 25 marzo, a partire dalle 9, a Gonnosfanadiga la manifestazione contro i progetti per la costruzione di impianti termodinamici solari in aree dedicate alle attività agro-zootecniche e ricche di risorse non rinnovabili da preservare e valorizzare.
L'iniziativa è promossa da comitati e amministrazioni appartenenti alla Consulta ATE (Ambiente,Territorio,Energia), formalizzata lo scorso 24 febbraio a Sardara, costituita da Comitati, Associazioni, esperti, e Sindaci del territorio, impegnati in attività di sviluppo sostenibile e volto al benessere pubblico, e nel contrasto di progetti ad alto impatto ambientale e socio-economico.

"Sabato difenderemo vasti territori della Sardegna dall'industrializzazione selvaggia per difendere noi stessi. Siete tutti chiamati a partecipare. La voce di noi tutti e la nostra tangibile presenza determina le sorti di scelte che sembrano incontrovertibili; di fatto però l'azione di tutti noi in questi lunghi anni di lavoro ha prodotto un risultato: il rafforzamento delle posizioni e della capacità di incidere nelle decisioni. La strada è ancora lunga ma insieme si va verso il risultato cercato, la difesa dei beni comuni e del bene comune"(Comitato No Megacentrale facente parte della Consulta A.T.E.).

Membri dei Comitati, rappresentanti dei Comuni, Associazioni, esperti e liberi cittadini si daranno appuntamento alla Fiera Mercato di via Nazionale a Gonnosfanadiga per affermare la loro contrarietà al progetto d’occupazione di oltre 800 ettari per la costruzione di diversi impianti termodinamici in Sardegna. Due di questi mega impianti (denominati "Gonnosfanadiga", da 211 ettari, e "Flumini Mannu", da 269 ettari) sono oggi in attesa dell'esito di Valutazione d'Impatto Ambientale statale, rimessa ora alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Deborah Succa

Categoria: